Ultime News ed Eventi - Nominato il vincitore del Bando per "Tesi di Dottorato" - La Fondazione è diventata una ONLUS. Sostieni la Fondazione! -





















Filippo Bassignani



Filippo Bassignani aveva 39 anni quando nell'aprile del 2006 un terribile incidente lo spense in Mozambico.
Filippo era ricercatore in Biologia Animale, autore di 42 pubblicazioni scientifiche, "Cultore della materia" per i corsi di Zoologia e Zoogeografia presso il Dipartimento di Biologia Evolutiva e Funzionale dell'Università di Parma. Pubblicava articoli di divulgazione scientifica su quotidiani e riviste, collaborava con università italiane ed estere, con Enti pubblici e privati. Aveva anche partecipato alla realizzazione di un importante documentario sulla fauna africana per la rete televisiva inglese BBC "The hunting dog last stand".
Le sue ricerche lo avevano portato lontano: Australia, Tailandia, Guinea, Senegal, Tanzania, Costarica, Cuba, Sud Africa, Maldive, Scozia. Era disposto ad andare ovunque nel mondo, ove la sua professionalità potesse risultare utile. Determinato, spirito veramente libero, aveva rinunciato a una più facile esistenza per vivere spesso con grandi sacrifici in luoghi lontani, disagiati ed anche pericolosi.
La conservazione e la protezione della natura in tutte le sue forme erano il suo settore di ricerca, la disciplina che stava alla base delle sue attività: l'ultima impresa, prima della sua scomparsa, riguardava un progetto innovativo di ecoturismo sostenibile.
Era in Mozambico da solo un mese per lavorare a questa iniziativa quando venne caricato da un elefante ferito da bracconieri.
Del Continente Nero che aveva girato in lungo e in largo, amava tutto: la cultura, la gente - aveva imparato anche la lingua "swahili" - ma soprattutto i grandi mammiferi.
La grande passione per la natura e l'entusiasmo per la vita sono stati un insegnamento profondo trasmesso a chiunque abbia conosciuto Filippo.